Organizza un evento

Prenota lo spazio più esclusivo di Torino.

Piano35

Eventi e notizie

Martedì 30 novembre, ore 18.00

Giselle

Anteprima del film documentario realizzato con il Corpo di Ballo del Teatro alla Scala
leggi il dettaglio
Credits Immagini: Alessandra Tinozzi, Andrea Cappello, Enrico Cano, Davide Barasa, Adriano Mauri e Andrea Marcovicchio. Privacy Press
Intesa Sanpaolo Highline S.r.l. Sede legale: corso Inghilterra 3, 10138 Torino - Capitale sociale interamente versato 500.000,00 euro. Iscrizione Registro delle Imprese di Torino e C.F. 11412220011, Società partecipante al Gruppo IVA “Intesa Sanpaolo” Partita IVA 11991500015 (IT11991500015 ) Numero R.E.A. 1211290, Società unipersonale, soggetta all’attività di Direzione e Coordinamento di Intesa Sanpaolo S.p.A.

Tre nuove lezioni dello storico Alessandro Barbero

Giovedì, 21 e 28 ottobre e 4 novembre 2021 - ore 18.00
Prenota l'evento

 

Il programma di attività culturali realizzato da Intesa Sanpaolo al grattacielo di Torino riprende con tre conferenze dello storico Alessandro Barbero. 

Il progetto Tre lezioni di Alessandro Barbero, curato da Giulia Cogoli, dedica i nuovi appuntamenti a “Donne nella storia: il coraggio di rompere le regole”: Caterina la Grande, Madre Teresa di Calcutta e Nilde Iotti. Donne che si sono imposte rompendo le regole di un mondo maschile e spesso ostile alle loro vocazioni o ambizioni.

 

Giovedì 21 ottobre ore 18.00 

Caterina la Grande

Una principessina tedesca di quattordici anni arriva nella lontana e sconosciuta Russia per sposare l’erede al trono degli zar. A forza di intelligenza, carattere e mancanza di scrupoli diventerà più russa dei russi, eliminerà il marito con un colpo di stato e guiderà per più di trent’anni l’immenso impero, riuscendo a essere, al tempo stesso, uno spietato autocrate assolutista, e a farsi celebrare dai filosofi dell’Illuminismo come una delle luci del secolo.

 

Giovedì 28 ottobre ore 18.00 

Madre Teresa di Calcutta

Per molti Madre Teresa di Calcutta è uno dei più grandi santi della Cristianità, incarnazione della bontà e dell’amore per i poveri. Alcuni l’hanno denunciata come una donna di potere che ha guidato con mano di ferro una multinazionale dai profitti colossali; altri ancora l’hanno accusata di non amare tanto i poveri quanto la loro povertà. Ma chi era davvero Madre Teresa?

 

Giovedì 4 novembre ore 18.00 

Nilde Iotti

È la prima donna nella storia della Repubblica ad essere stata, per ben tredici anni, presidente della Camera. La giovanissima insegnante di Reggio Emilia, avvicinatasi al partito comunista durante la Resistenza, deputato alla Costituente a 26 anni, è una delle figure più prestigiose della politica italiana del secondo Novecento; e questo nonostante l’amore scandaloso, e criticatissimo all’epoca, che fin dall’inizio la legò al segretario del partito, Togliatti, sposato e che aveva quasi trent’anni più di lei.

 

La partecipazione agli incontri è gratuita con prenotazione obbligatoria sul sito, sino a esaurimento dei posti disponibili. Le prenotazioni sono aperte in base al seguente calendario:

  • primo incontro – da martedì 19 ottobre
  • secondo incontro – da martedì 26 ottobre
  • terzo incontro – martedì 2 novembre

 

Alessandro Barbero, noto al pubblico oltre che per i suoi saggi e romanzi, anche per la sua straordinaria capacità divulgativa in particolare nella trasmissione Superquark nelle trasmissioni di RAI Storia a.C.d.C. e Il tempo e la storia.

Tra i suoi libri più recenti: Storia del Piemonte (2008) per Einaudi; Dietro le quinte della Storia. La vita quotidiana attraverso il tempo (con P. Angela, Rizzoli, 2013); Costantino il vincitore (Salerno, 2016); Il divano di Istanbul (2011), Federico il Grande (2017) per Sellerio Editore; Gli occhi di Venezia (2011), Le ateniesi (2015) per Mondadori; Lepanto. La battaglia dei tre imperi (2010), Donne, madonne, mercanti e cavalieri. Sei storie medievali (2013), Caporetto (2017), Dante (2020) per Laterza.

 

Come da disposizioni del DL 105 del 23/7/2021, l’accesso sarà consentito esclusivamente ai possessori di certificazione verde Covid-19.

 

Crediti immagine: Andrea Cappello